venerdì 20 luglio 2018

RECENSIONE || L'amore è potere, o almeno gli somiglia molto di A. Ignoni Barrett

<<Ma amore non significa matrimonio, un bambino, per sempre. Amore significa che mi rendi felice finchè un giorno non è più così>>

Questa raccolta di raconti è stata la mia scoperta estiva preferita.
Non avevo mai letto nulla casa editrice 66than2nd (andate a dare un'occhiata al loro catalogo sono certa che la vostra wishlist si allungherà a dismisura) e sono rimasta piacevolmente colpita dallo stile scorrevole di A. Igoni Barrett in "L'amore è potere, o almeno gli somiglia molto"  ambientato in Nigeria, in una città immaginaria di nome Poteko.
Il tema, come si può facilmente intuire dal titolo, è l'amore il fil rouge che collega ogni racconto all'altro e che viene sviscerato in ogni sua sfaccettatura: tra madre e figli, tra amanti, un amore fittizio, amore malato, amore per la famiglia o per la cugina, amore che si tramuta in odio e amore che è amore finché dura. Un amore che in qualche modo esercita un potere, aziona comportamenti e atteggiamenti, alcuni prevedibili, altri no.

Di tutte le raccolte che ho letto questa è l'unica che è riuscita a mantenere il mio interesse verso ogni singolo racconto, anzi in maniera crescente. È difficilissimo trovare una raccolta che non abbia un racconto debole, meno accattivante degli altri.

Solo in un caso i personaggi vengono recuperati a distanza di qualche racconto, gli altri sono tutti autoconclusivi. 


Probabilmente quello che mi è piaciuto più degli altri è "La forma di un cerchio perfetto": la famiglia Abrakasa è povera. La mamma Douju Abrakasa è un'alcolizzata che non si preoccupa minimamente dei suoi tre figli. Il figlio di mezzo, Dimiè, viene mandato a cercare da mangiare con i pochi spiccioli che sono rimasti, bada che non si dimentichi la bottiglia per la mamma. Attraverso una serie di peripezie, Dimiè perde i soldi e non riesce a recuperarli. Arrivato a casa la madre si infuria così tanto che lo picchia fino a farlo sanguinare. I bambini decidono di andare dalla nonna a dormire quella sera ma Dimiè non riesce a rimanere. Amareggiato dal comportamento della madre ma comunque premuroso verso di lei, decide a notte fonda di portarle la cena e una bottiglia ad alta gradazione che si ferma a comprare per strada con i soldi che gli ha dato la nonna.
Arrivato nella piccola stanza che chiama "casa", la madre lo ringrazia e si rimette a scolarsi la sua preziosa pozione magica, fino al mattino dopo che, incattiva dall'alcol, lo aggredirà di nuovo ricevendo in cambio una sonora sberla da parte di Dimiè.

Pur rimanendo in territorio africano Barrett racconta di diversi ceti sociali e situazioni, riesce a introdurre anche un minimo di storia politica con il racconto "Il mio problema dell'alito cattivo", forse il racconto più leggero e divertente della raccolta. Quello che sicuramente mi ha più scossa è il racconto, omonimo del libro, in cui il protagonista quando veste la divisa militare diventa violento e sgarbato e ci porta con sé durante le sue ronde e il suo lavoro in cui la giustizia e la legge contano ben poco. Mi sono commossa leggendo il primo racconto "La cosa peggiore di tutte" in cui Ma Bille si rende conto di essere stata messa da parte dai suoi figli e se in un primo momento ha sentito riecheggiare nelle orecchie la parola "abbandono", pensandoci, ha capito che è giusto che ognuno faccia la propria vita e che forse una soluzione alla sua solitudine da "gattara" c'è vicino a lei, basterà lasciare da parte l'orgoglio.

In questo libro troverete ben mascherati temi per nulla secondari che Barrett è riuscito abilmente a inserire in storie intriganti, attuali, altre meno, ma con un appeal fortissimo che il lettore non scorderà tanto in fretta. Un autore da tenere sott'occhio per come interpreta e racconta la realtà.


COPERTINA 6 | STILE 8,5 | RACCONTI 8

Titolo: L'amore è potere, o almeno gli somiglia molto
Autore: A. Igoni Barrett, traduzione di Michele Martino
Editore: 66than2nd
Numero di pagine: 256
Prezzo: 16,00 euro

Trama

E' sempre l’amore al centro di questi racconti ambientati tra la vivace umanità di Poteko, una comunità immaginaria dove si mescolano il fascino e le contraddizioni di Lagos, Port Harcourt, Ibadan, luoghi di cui Barrett è il cantore come Joyce lo è stato di Dublino e Čechov di San Pietroburgo. Nove racconti abitati da ladruncoli di strada, pirati informatici, studentesse ninfomani, ragazzine pazze per Shakira, adulteri impuniti, esorcisti ciarlatani. Nove storie intrecciate con maestria in cui Barrett dimostra ancora di più - dosando «parole di zucchero filato», scene esilaranti e scoppi di indicibile violenza - che l’arte del racconto può essere più esatta di quella del romanzo. E che oggi nessun paese al mondo ha una letteratura più feconda e vitale della Nigeria, nazione inquieta, sempre in bilico tra tecnologia e tradizione, dove l’amore è potere. O almeno gli somiglia molto.


L'AUTORE

A. Igoni Barrett è nato a Port Harcourt, in Nigeria, nel 1979. Fellow, tra gli altri, del Chinua Achebe Center e del Norman Mailer Center. Nel 2005 ha esordito con la raccolta di racconti From Caves of Rotten Teeth, tra cui figura The Phoenix, premiato quello stesso anno dalla Bbc. La seconda, Love Is Power, or Something Like That, uscita nel 2013, sarà pubblicata da 66thand2nd nel 2018. Culo nero, il suo primo romanzo, ha imposto Barrett sulla scena della letteratura nigeriana di oggi insieme a Teju Cole, Chimamanda Ngozi Adichie e Helon Habila.

2 commenti:

  1. Come sempre recensione molto interessante!
    Sapevo di questo autore ed ero curiosa di leggere uno dei suoi romanzi, Blackass. Fra l'altro sapere che verrà tradotto mi riempie di sollievo perché avevo paura di incappare in un inglese moderno, magari pieno di slang o altro (io sono abituata all'inglese di Jane Austen, per intenderci, e se leggo altro di più moderno fatico un po').

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sono Theresa Williams Dopo essere stata in relazione con Anderson per anni, ha rotto con me, ho fatto tutto il possibile per riportarlo indietro ma tutto era invano, lo volevo così tanto indietro a causa dell'amore che ho per lui, L'ho pregato con tutto, ho fatto delle promesse ma lui ha rifiutato. Ho spiegato il mio problema alla mia amica e lei mi ha suggerito di contattare un incantatore che potrebbe aiutarmi a lanciare un incantesimo per riportarlo indietro ma io sono il tipo che non ha mai creduto nell'incantesimo, non ho avuto altra scelta che provarlo, io ho spedito il mago dell'incantatore e lui mi ha detto che non c'era alcun problema che tutto andasse bene prima di tre giorni, che il mio ex tornasse da me prima di tre giorni, ha lanciato l'incantesimo e sorprendentemente nel secondo giorno, era intorno alle 16:00. Il mio ex mi ha chiamato, ero così sorpreso, ho risposto alla chiamata e tutto quello che ha detto è che era così dispiaciuto per tutto quello che è successo che voleva che tornassi da lui, che mi amasse così tanto. Ero così felice e sono andato da lui che è così che abbiamo iniziato a vivere felici insieme di nuovo. Da allora, ho promesso che chiunque conosca un problema di relazione, sarebbe di aiuto a tale persona riferendola all'unico e potente incantatore che mi ha aiutato con il mio problema. Sua e-mail: {drogunduspellcaster@gmail.com} puoi inviarlo via email se hai bisogno della sua assistenza nella tua relazione o in qualsiasi altro caso.
      1) Incantesimi d'amore
      2) Incantesimi d'amore perduti
      3) Incantesimi di divorzio
      4) Incantesimi di matrimonio
      5) Incantesimi vincolanti
      6) Incantesimi di rottura
      7) Bandire un amante passato.
      8.) Vuoi essere promosso nel tuo ufficio
      9) vuoi soddisfare il tuo amante
      Contatta questo grande uomo se hai qualche problema per una soluzione duratura
      attraverso {drogunduspellcaster@gmail.com}

      Elimina