lunedì 4 giugno 2018

In cucina con EverEarth!

Proseguiamo il nostro percorso con EverEarth, ora che i semi che abbiamo piantato nei mesi scorsi si sono trasformati in piante, poi fiori e da pochissimo anche frutti!

Le zucchine sono fiorite, i fagiolini sono spuntati e noi stiamo scoprendo come cucinare e rendere il più gustoso possibile ciò che abbiamo raccolto. Ma c'è un ma, si tratta si sempre verdura che non è semplice da rendere appetibile a un bambino... 

Ho trovato un metodo che per Gabriele si è rivelato infallibile: far provare a lui, con un fagiolino raccolto dal nostro piccolo orto, cucinare qualcosa per me nella sua cucina. Ed ecco che da ospite riottoso si è trasformato in un piccolo chef che ha mescolato fagiolini con un bel limone! 


La cucinetta di EverEarth è essenziale, senza troppi suppellettili inutili, e super colorata, lascia libero il bambino di immaginare fornendogli l'appoggio per grandi storie e grandi ricette da inventare. Effettivamente basta poco per dare il via alle avventure di Gabriele: un forno capiente che spesso fa anche dispensa a tutti i suoi ingredienti, un piano cottura che comprende due fuochi, l'immancabile lavandino e il posto per spezie, piatti, utensili, presine e strofinaccio. Tutta completamente in legno, solida ed Ecofriendly.


Così stiamo imparando a fare tortini, lasagne, pasta con le zucchine, un'orata spettacolare. Piano piano anche a tavola il suo comportamento è cambiato: assaggia più volentieri ciò che prima non avrebbe degnato di uno sguardo, mi aiuta nella preparazione mi chiede da dove vengono le verdure, quali sono i semini che li hanno generati.

Un gioco certo, ma fare finta che... è diventato anche un modo per fargli capire che unire gli ingredienti è una questione di amore non solo per chi cucina ma anche per se stessi. 


Per me e Gabriele è stato davvero interessante e allo stesso tempo stupefacente e meraviglioso vedere l'intera catena che porta un vegetale sulla nostra tavola. 

Nessun commento:

Posta un commento