domenica 19 marzo 2017

Festa del papà, leggere insieme!

Una festa importante per la nostra famiglia è quella del papà!


Il papà di Gabriele è spesso via per lavoro, quando torna i giochi all'aperto non mancano mai ma condividono sempre più spesso il momento speciale della lettura. Ho allestito un angolo di lettura per Gabriele in collaborazione con Collègien e Baby Bottega. Creare un ambiente confortevole, con cuscini morbidi, dei materassini e tanti libri per Gabriele era uno dei miei obiettivi per avvicinarlo alla lettura e passare del tempo insieme attraverso tante storie e personaggi. 







Vestiti comodi e il cotone biologico di Nobodinoz (sul sito troverete tantissimi prodotti dallo stile nordico e disegni geometrici) hanno subito conquistato la sua attenzione.

Come l'anno scorso, cercherò di darvi qualche consiglio per leggere insieme a vostri bambini libri a tema.

Quest'anno torno a un classico di un autore a me davvero caro: Eric Carle. "L'ippocampo, un papà speciale", Mondadori, è un libro nel solito stile super colorato ma mai troppo netto dei libri di Carle. La storia parla di papà ippocampo che incontra tanti altri papà che si occupano della propria prole al posto delle mamme. Mano a mano che il cavalluccio marino solca i mari diventa sempre più grande... eh già nella sua sacca le uova aspettano di schiudersi! Una parte divertente del libro è che tra le pagine con il testo sono inserite delle parti plastificate decorate con alghe o massi che nascondono altri pesci marini, un piccolo intercalare per coinvolgere i bambini, anche i più piccoli, nella storia.  Il racconto termina con papà ippocampo che dà alla luce i suoi piccoli ormai pronti per affrontare da soli il mondo. 

Un altro libro che vi consiglio, soprattutto per i bambini dai 3 anni in poi è "Qualcosa da
fare" di David Lucas, Valentina Edizioni. Il libro fa da base per una storia frutto dell'immaginazione: il piccolo orsetto non ha nulla da fare, il papà lo porta a fare una passeggiata che diventa interessante con il ritrovamento di un rametto che a sua volta è il trampolino per arrivare fin nello spazio, tra le stelle. Le pagine bianche con al centro la figura piccola e quella grande degli orsi crea un effetto sorprendente: automaticamente gli spazi vuoti si riempiono con immagini della nostra fantasia.



Qui vi ripropongo "Ti voglio bene anche se..." di Debi Gliori, Mondadori, libro che Gabri mi continua ancora a chiedere nonostante le tante letture: le due volpi lo hanno conquistato. 







Piccoli consigli assicurano momenti piacevoli, un modo per stimolare la loro fantasia e per creare un rapporto armonioso e complice con i personaggi preferiti dei nostri bambini.


2 commenti:

  1. Un articolo molto interessante e sarebbe da far leggere a molti papà. Purtroppo al giorno d'oggi la lettura sta perdendo quota. L'uso degli smartphones hanno rubato l'interesse a molti, sia piccoli che grandi, alla lettura. Ora i miei sono grandi ma quando andavano all'asilo ho sempre passato ore e ore in biblioteca con loro e alla sera leggevamo i libri che portavamo a casa. Ancora oggi la passione numero uno di mia figlia ormai adolescente, sono i libri, di carta, non e-books, perchè a lei piace toccarli con le mani, quelle pagine liscie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veronica! Ti capisco, il mio bimbo è parte della nuova generazione ultra digitale. Penso che avrà tempo per prendere dimestichezza con tutto ciò che è tecnologico ma che l'amore per la lettura (possibilmente per i libri cartacei) nasca fin da bambini. Mia madre è sempre stata una lettrice accanita e mio padre ha sempre letto tanti giornali per tenersi aggiornato, in casa è arrivato subito il computer e anche internet ma non ne ho mai abusato. Spero che per il mio bimbo sarà uguale :)

      Elimina