giovedì 1 settembre 2016

RECENSIONE || "Figlie sagge" di Angela Carter

Buongiorno, lettrici e lettori!


Figlie Sagge, Angela Carter
Oggi vi parlerò di un romanzo che mette in scena una commedia caleidoscopica, imbarazzante e irriverente. "Figlie sagge" di Angela Carter Fazi Editore mi ha  stupita, non me lo immaginavo così poco ortodosso e così frizzante.

La storia viene raccontata e vissuta attraverso diversi flashback da Dora una delle gemelle nate da Melchior Hazard star del teatro britannico specializzato in opere shakespeariane. L'altra gemella si chiama Lenora, Nora per gli amici. Dora e Nora non state riconosciute dal ricco e famoso padre e la madre, una povera cameriera di osteria è morta dandole alla luce. Così vengono cresciute dalla signora Chance la proprietaria di questa fatiscente locanda, aiutata dal fratello gemello di Melchior, Peregrine, lo zio Perry. Ricco sfondato anche lui appena viene a conoscenza della loro esistenza fa di tutto per mantenerle, anche se a distanza, e le riempie di regali. Dora e Nora riconfermano il sangue degli Hazard diventando ballerine e cantanti ma non di certo ai livelli del padre, diciamo dal lato sbagliato del Tamigi, in locali fatiscenti.

"I tacchi battevano clop clop clop sul selciato, e questo mi faceva sentire grande come non era mai successo, neppure dopo: in nessun'altra occasione accadde che mi sentissi come quel mattino all'alba mente guardavo la mia ombra che traballava verso casa, veloce davanti a me con le scarpe sexy."

In questo modo Dora ci racconta la loro vita e quella del padre partendo dal presente, dal loro settantacinquesimo compleanno che, scherzo della sorte, è anche il centesimo compleanno del loro estraneo padre.
In un can can di avvenimenti scorre il XX secolo, tra balletti, sesso, alcol, piccole felicità e grandi tristezze, Dora segue un flusso di pensieri non sempre cronologico nella narrazione creando un patchworck in cui il lettore ha un ruolo attivo nel collegare i diversi personaggi e gli intrecci spettacolari del libro. Alle volte le vicende che coinvolgono le inseparabili gemelle possono sembrare un po' surreali, con un pizzico in più di malizia e qualche volgarità che dona un gusto piccante e disilluso a tutto il racconto. Non mancano mai sagge riflessioni a posteriori: il racconto come ho detto prima viene da una signora anziana che ne ha viste di tutti i colori e i commenti non mancano sia positivi che negativi sul loro operato e su quello degli altri, donandoci vere e proprie perle su cui riflettere.

"Solo allora ho compreso una che non avevo mai afferrato in quei giorni, da giovane, prima di vivere nella storia. Da giovane volevo essere effimera, volevo cogliere l'attimo, vivere solo l'istante prima della gioia, dell'estasi e dell'applauso. Carpe diem. Mangia la pesca. Il domani non viene mai. E invece sì che viene il domani, e quando arriva sembra non finire più, ve lo giuro."

L'autrice riduce fino a rendere nulla la distanza dal lettore, merito di una sintassi semplice e colloquiale che spesso si riferisce direttamente a chi legge in un coinvolgimento totale. Dora prende il suo tempo per narrare come si deve la sua esistenza, agganciando il lettore non con un ritmo galoppante, ma con le particolarità e le stranezze che accadono durante il racconto, anche se a tratti si perdere l'attenzione per il mondo fin troppo caotico creato.

Un romanzo particolare, dal gusto vintage, malizioso e spudorato che vi riuscirà a coinvolgere e a commuovere nella ruggente bella società del XX secolo.



COPERTINA 8 | STORIA 7,5 | STILE 8


Titolo: Figlie sagge
Autore: Angela Carter
Editore: Fazi Editore
Numero di pagine: 325
Prezzo: 15,30 euro
Ebook: 9,99 euro

Trama:


È il 23 aprile – data di nascita di Shakespeare – e le gemelle Dora e Nora, attrici e ballerine di seconda categoria, si apprestano a festeggiare i loro settantacinque anni. Suonano alla porta: su un cartoncino bianco arriva l’invito alla festa del padre, il celebre attore Melchior Hazard, che nello stesso giorno di anni ne compie cento, e che di riconoscerle non ne ha mai voluto sapere. C’è da decidere cosa indossare!
Così si apre Figlie sagge, la storia di due donne libere ed eternamente giovani che, nate nel lato sbagliato della città, quello più misero, sono sempre state attratte dal bagliore del mondo dello spettacolo. Dall’infanzia anticonvenzionale, alla strampalata carriera, fino ai vibranti settant’anni, la vita delle due gemelle è un susseguirsi di episodi grotteschi: fra identità scambiate, fidanzati presi in prestito, spettacoli improvvisati e feste che culminano in incendi, quello di Dora e Nora è un mondo dove le regole non sono ammesse e la spregiudicatezza regna sovrana. Un mondo popolato di personaggi improbabili, con l’ingombrante presenza di una bizzarra famiglia allargata: una compagine di teatranti dalle alterne fortune, in cui le coppie di gemelli si moltiplicano in maniera inestricabile e spesso incestuosa. Un romanzo dalle mille sfaccettature: un libro intriso di grande letteratura, di amore per l’arte e di un senso dell’umorismo pungente, un’ardita provocazione contro il tabù sessuale e la distinzione fra legittimo e illegittimo, ma soprattutto un inno alla spensieratezza, al piacere, alla gioia di vivere.
L'AUTRICE
È nata a Eastbourne, in Inghilterra. Fra le sue opere più note figurano le raccolte di racconti Fuochi d’artificio (1974) e La camera di sangue(1979) e il romanzo Notti al circo (1984). Figlie sagge è il suo ultimo libro, uscito un anno prima della morte.


Nessun commento:

Posta un commento