martedì 14 giugno 2016

RECENSIONE || "Diario di una lady di provincia" di E. M. Delafield

Buongiorno, lettrici e lettori!

Oggi vi parlerò di un libro tanto breve quanto piacevole, "Diario di una lady di provincia" di E. M. Delafield Beat Edizioni è un romanzo unico, divertente e al contempo profondo.

La storia, ambientata nella prima metà del Novecento, vede per protagonista una lady di campagna, con un marito, Robert, due figli, Vicky e Robin, una tata e una cuoca. I suoi impegni oltre a far quadrare i conti, che spesso sono in rosso, vanno dall'organizzazione della casa a quella dell'educazione dei figli, passando per l'Associazione Femminile del paese e l'intrattenimento sociale con vicini e amici.

"Entrambi [i bambini] dimostrano di nutrire grande interesse per personaggi poco raccomandabili che conquistano fortuna, fama è una principessa bellissima grazie a menzogne, violenza e tradimenti. Sono certa che tutto ciò avrà su di loro conseguenze disastrose negli anni a venire"

Penserete che siano temi piuttosto monotoni e noiosi e invece vi assicuro di no. L'autrice riesce magistralmente a tenere alta l'attenzione del lettore raccontando ciò che ogni donna si trova a dover fare ogni giorno come qualcosa di speciale: da un lato estremamente divertente dall'altro atrocemente drammatico tanto da strappare una risata piuttosto che una lacrima.

"Successione ininterrotta di picnic, spedizioni balneari e scappa al Plymouth Cafè a mangiare il gelato. Mademoiselle profetizza senza sosta catastrofi digestive, polonaru e anche celebrali, ma in un modo o nell'altro ne usciamo vivi e vegeti."

La protagonista è molto simpatica, si occupa e ama i suoi bambini ma non vuole dare a vedere di essere una mamma opprimente o all'antica, cerca di vestirsi alla moda per non sfigurare ma poi non sa come pagare i debiti con il macellaio o la tintoria, non ama andare a cena dalla signora altolocata del paese ma inevitabilmente cede sempre ai suoi inviti, ama leggere ma spesso mostra delle lacune perché non è costante, si informa di quali attività si occupa una persona prima di conoscerla in modo da fare bella figura. Lei è quella donna che si potrebbe definire "schiava delle convenzioni" ma che ne è perfettamente conscia, tanto da chiedersi quanto queste "convenzioni" siano poi così sincere, ma a cui non è comunque capace di rinunciare.

"Breve e allarmante scambio con Vicky, che mi prende da parte per comunicarmi di aver imparato una nuova parolaccia, anche se mi assicura che non la utilizzerà. Almeno per ora, aggiunge, in tono inquietante."

Il racconto è in forma di diario e in modo molto scorrevole il lettore viene messo a conoscenza dei pensieri della nostra lady attraverso un flusso costante di parole che a volte non rispetta nemmeno la punteggiatura, in un continuo inserimento di pensieri e appunti mentali. 

In questo resoconto giornaliero si possono leggere i suoi desideri e le sue paure, ma anche le liste e le incombenze da portare a termine, gli inviti, i pettegolezzi, i suoi piccoli segreti, senza mancare la trascrizione di frasi dette dalle vicine e commenti alle suddette frasi piuttosto spigolosi. Tutto ciò con un lessico diretto, aspro, pungente, ironico e sarcastico che cattura immancabilmente il lettore. 

Un libro dallo stile frizzante e scintillante, per una storia superficialmente ironica ma che nasconde profonde verità e grandi eroine, super consigliato!



COPERTINA 5,5 | STILE 8 | STORIA 8



Titolo: Diario di una lady di campagna
Autore: E.M. Delafield
Editore: Beat Edizioni
Numero di pagine: 187
Prezzo: 9,00 euro




Trama:

È una madre completamente pazza dei suoi figli, ma a volte la sfiora il sospetto che i suoi «dolci bambini» siano totalmente sprovvisti di senso artistico, visto che ascoltano ininterrottamente insulse canzoni al grammofono. È una moglie fedele e devota, ma a volte la sgomenta il comportamento di suo marito che, nel trambusto provocato dai bambini a letto col morbillo, non si limita ad assumere il tipico atteggiamento maschile secondo cui «stiamo facendo una tempesta in un bicchiere d’acqua», ma ha l’aria di chi è convinto che sia tutto una messinscena fatta apposta per infastidire lui. È un’attenta lettrice, ma di tanto in tanto le capita di fare commenti intelligenti su un romanzo come Orlando finché non lo legge, e si rende conto di non capirci un fico secco. È una casalinga senza macchia e paura, ma le accade spesso di offrire ai suoi ospiti pollo e patate crude. È, insomma, la nostra cara, inarrestabile lady di provincia, capace di assecondare il marito brontolone e accudire le sue piccole pesti organizzando feste, disastrosi pic-nic sotto la pioggia, esilaranti incontri parrocchiali. Capace, infine, da più di mezzo secolo, di strabiliare e divertire migliaia di lettrici e lettori con questo irresistibile Diario che raccoglie le sue mirabolanti gesta.


L'AUTRICE

E.M. Delafield (1890 -1943) è autrice di molti romanzi. Il Diario di una lady di provincia fu dapprima pubblicato a puntate settimanali sulla rivista Time and Tide, poi, dopo lo strepitoso successo, ebbe ben tre seguiti: The Provincial Lady Goes Further, The Provincial Ladym in America e The Provincial Lady in Wartime.


8 commenti:

  1. Sembra interessante, me lo segno. Ciao!

    RispondiElimina
  2. Mi sembra un'ottima lettura per le vacanze estive :) Divertente ma con diversi punti di riflessione ;) Molto bello il libro che stai leggendo con Gabriele :) Amo la Montessori e il metodo lo ritengo tuttora tra i più validi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sono d'accordo con te su entrambi i libri! La collana Montessori che sto seguendo con Gabriele è davvero molto completa e utile. Se riesco farò dei video per mostrarvi qualche attività 😁

      Elimina
  3. Anche a me sembra davvero interessante! Lo metto in wishlist :)
    Volevo invitarti qui:
    http://dreamsink92.blogspot.com/2016/06/un-anno-pieno-di-sogni-e-dinchiostro.html

    un piccolo giveway di compleanno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Che carina, grazie mille! Passerò! :)

      Elimina
  4. Possiedo questo libro già da un pò! L'ho comprato in un mercatino ed è l'edizione Neri Pozza! Sono contenta che ti sia piaciuto! Mi devo decidere a leggerlo! Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Fammi sapere se darà le stesse sensazioni anche a te :)

      Elimina