giovedì 19 novembre 2015

RECENSIONE II "Racconti attorno al fuoco" di Sir Arthur Conan Doyle

Cari, lettrici e lettori!
Oggi vi parlerò di questa raccolta di racconti firmata Arthur Conan Doyle pubblicata per la prima volta nel 1908. Il libro riscosse un grande successo ma poi fu dimenticato, eclissato dalla fama di Sherlock Holmes. Per gli amanti del giallo sono una bella variante, soprattutto a chi Sherlock proprio non piace.

Si tratta di una raccolta di 17 racconti tutti a tema differente (e simile per alcuni di questi). I protagonisti sono investigatori, avvocati, medici o maggiordomi, insomma molto vari, che scoprono per caso o per curiosità fatti misteriosi e inquietanti o semplicemente vicende difficili da sbrogliare a cui si verrà a capo anche a distanza di anni.
Spesso le vicende iniziano in modo molto oscuro, si tende a non capire bene certe particolarità dei personaggi che alla fine del racconto si incastrano come pezzi di un puzzle rivelando un disegno molto ampio che comprende anche diverse persone in un tempo relativamente lungo.

I racconti che mi sono piaciuti di più sono stati "La scatola con disegni giapponesi" e "La stanza sigillata".
Nel primo, dei miei preferiti, il protagonista è il maggiordomo che si deve confrontare con dei segreti di famiglia e dei pregiudizi che lo indirizzeranno verso un'opinione errata nei confronti del padrone di casa.
Il secondo invece ha come protagonista un avvocato che per caso e poi per curiosità verrà messo al corrente di alcune pratiche familiari che riguardano una stanza sigillata in una grande magione di Londra. Questa stanza può essere aperta dall'erede, ormai in bancarotta, solo dopo aver compiuto ventun anni. Cosa si celerà in quella stanza il cui contenuto è tanto segreto da essere stato rinchiuso per più di 10 anni?

Tutti i racconti meritano di essere letti e consiglio di leggerne al massimo un paio per sera per gustarli al meglio e per non farsi influenzare troppo dalla retorica di fine Ottocento di Arthur Conan Doyle, che può risultare alle volte poco leggera, come ovvio che sia.
Trovo che questo libro sia un ottimo passatempo serale, i racconti sono perfetti per le serate attorno al fuoco da leggere a voce alta, per provare ad indovinare chi sarà il colpevole! 
Ve lo super consiglio!

Titolo: Racconti attorno al fuoco
Autore: Arthur Conan Doyle
Numero di pagine: 280
Prezzo: 13 euro


Trama:

Chi non conosce Sherlock Holmes, l’investigatore che con intelligenza, arguzia e rigore risolve i casi più intricati?

Ebbene, Sir Arthur Conan Doyle (1859-1930) ha creato altri personaggi, altrettanto efficaci e convincenti.

Questa raccolta di racconti brevi ne è un esempio.
Pubblicata nel 1908, riscosse subito l’attenzione della critica, ma fu poi dimenticata per più di mezzo secolo, anche perché offuscata dalla fama di Holmes, “nato” in termini letterari nel 1887.
Sono 17 storie di mistero, di avventure mozzafiato che sconfinano nel fantastico e nel grottesco: guidato da un medico, un avvocato o persino da un criminale che chiede giustizia, il lettore potrà così riscoprire Doyle nel suo massimo splendore letterario.





2 commenti:

  1. Questa raccolta di racconti mi incuriosisce molto. Anch'io collego sempre Arthur Conan Doyle con il personaggio di Holmes e mi piacerebbe conoscere anche altre figure create da questo straordinario scrittore :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! A me sono piaciuti! Sono racconti in cui il protagonista è sempre diverso e sono "leggeri" dal punto di vista tematico, ottimi da leggerne un paio per sera! Te li consiglio! :)

      Elimina